Divieti di affittacamere. Inversione di rotta della Cassazione? Sentenza n. 109/2016

11 Febbraio 2016|Diritto Condominiale|

Finita l’EXPO, finita l’attività selvaggia di affittacamere?

La Corte di Cassazione sez. II, con la sentenza n. 109 depositata il 7 gennaio 2016, sembra cambiare il precedente orientamento (peraltro oggetto del nostro post “Divieti affittacamere – Cassazione sez. II n. 24707/2014”) che dava il via libera all’apertura di un’attività di affittacamere nel proprio appartamento, purché tale servizio non comportasse pregiudizi agli altri condomini e non fosse espressamente vietato dal regolamento condominiale.

Con l’indirizzo del 2014, la suprema Corte affermava, dunque, che l’apertura di un’attività di affittacamere non comportava alcun mutamento di destinazione di uso delle unità immobiliari che, secondo la Cassazione,  restava abitativo anche con l’esercizio dell’attività ricettiva.

014

Ora, con la recentissima sentenza n. 109/2016, la Cassazione afferma, al contrario, che in realtà “l’esercizio di attività di affittacamere sia sovrapponibile a quella alberghiera e di Bed&Breakfast”. Da tale qualificazione, consegue una necessaria modifica di destinazione d’uso dell’unità immobiliare (da civile abitazione ad alberghiera).

Pertanto, secondo tale orientamento, se il regolamento condominiale prevede che gli appartamenti possono essere destinati esclusivamente ad abitazione privata od ufficio, l’apertura di un’attività di affittacamere o Bed&Breakfast sarà ritenuta illegittima, poiché sono considerate attività con destinazioni d’uso diverse da quella abitativa o studio professionale.

Sempre nella sentenza n. 109/2016, la Corte ha rilevato che, nel caso esaminato, il Condominio aveva ragione ad opporsi all’attività di affittacamere esercitata da uno dei condomini, anche se in precedenza altri proprietari avevano destinato i propri appartamenti alla medesima attività. In poche parole, se in passato è stato tollerato il mancato rispetto del regolamento, ciò non impedisce di farlo rispettare in qualsiasi momento successivo.

Alla luce di quanto sopra, cari lettori, è evidente che il via libera dato precedentemente dalla Cassazione all’attività di affittacamere si trova ora messo in discussione proprio dalla Corte stessa. Magari verrà nuovamente superato, ma è molto bene tenerlo in considerazione, prima di lanciarvi in un’attività di affittacamere o di Bed&Breakfast in un condominio ove il regolamento vincola la destinazione degli appartamenti esclusivamente ad abitazione od ufficio.

A presto! L’avvocato sempre con te!


Hai trovato interessante questo articolo?
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Chiedi una consulenza
Ricevi notizie ed approfondimenti legali con la newsletter di Studio Legale Bordogna
close-image